Il senso del ridicolo: il festival a settembre

A settembre la terza edizione del festival

“Il senso del ridicolo”

Il festival Il senso del ridicolo

Giunto alla terza edizione, Il “senso del ridicolo”, festival italiano sull’umorismo, sulla comicità e sulla satira, si svolgerà a Livorno nell’ultimo weekend di settembre, dal 22 al 24.

In tre giorni di eventi, mostre, proiezioni cinematografiche, laboratori per bambini e ragazzi, filosofi, scrittori, giornalisti, radio-star, letterati, storici dell’arte e del cinema e naturalmente comici, si interrogheranno sul significato del riso e sulla straordinaria funzione illuminante dell’umorismo, della comicità e della satira.

Ospitato nella cosiddetta zona della Venezia, l’evento avrà tanti spettacoli tra piazza del Luogo Pio, piazza dei Domenicani, la Bottega del Caffè, la Fortezza Nuova, il teatro Vertigo, il teatro Goldoni.

Il festival, diretto da Stefano Bartezzaghi, non è non una galleria di comici, una rassegna di spettacoli, un convegno scientifico sull’umorismo. Si tratta piuttosto di una vera e propria “esplorazione” culturale e antropologica nei territori del comico, dell’umorismo, dell’ironia. Divertimento, certo, ma non superficialità e anche un modo per conoscere meglio le nostre declinazioni nascoste.

Il via, venerdì 22 settembre alle 17, con la lectio magistralis dello psicoanalista lacaniano Massimo Recalcati dal titolo “Il desiderio ci prende in giro?”. E da un sottotitolo che fa venire in mente quel Fantozzi rag. Ugo e il suo interprete che sarà omaggiato più volte durante il festival, Paolo Villaggio: “Sulle vicissitudini tragicomiche del desiderio umano”. Come dire: l’uomo cavalca o è cavalcato dal desiderio? E cosa significherebbe allora “avere” un desiderio se il desiderio è ciò che ci gioca? Un paradosso dalle dimensioni tragicomiche che fa ridere. E pensare.
Per saperne di più sulla tre giorni dedicata all’ironia e alla comicità: http://ilsensodelridicolo.it/.

 

 

Precedente Un “patto” di cucina per anziani e chef Successivo Tribalingual: l’app per le lingue rare