Crea sito

Quando è di scena la natura, serve una guida

Natura: lo spettacolo parte da una guida (anche)

Andare in giro per la Natura. Non solo quella delle alte vette o di un paesaggio a 360 gradi, ma pure quella piccola piccola di un insetto, di un fiorellino o di una pianticina che sbuca nell’asfalto e che intravediamo sotto i nostri piedi.

Tutto è natura e ora c’è una nuova disciplina che aiuta a conoscerla, dal più piccolo al più grande dei suoi splendori. È il biowatching, una disciplina inventata da Francesco Mezzatesta, medico in pensione e appassionato ornitologo (è stato tra i fondatori della Lipu, lega italiana protezione uccelli) e significa “semplicemente” questo: guardare la natura in ogni suo aspetto.

Solo così riusciamo a capirla, già perché lei parla, racconta tutto quello che succede, è successo e succederà nel nostro pianeta. Un gabbiano che sfreccia davanti alle finestre di una casa di città, anche lontano dall’acqua, indica che gironzolano là poiché hanno scoperto un’ottima fonte di cibo, i nostri avanzi, spesso abbandonati tra rifiuti dalla lenta raccolta. Una roccia contorta ai bordi di una strada testimonia come proprio là le forze della Terra si siano date un gran da fare. Le tempeste tropicali sulle Alpi allarmano su quello che potrebbe essere il futuro anche immediato se non si fa qualcosa.

Quando è di scena la natura, serve una guidaInsomma, dalla Natura c’è sempre da imparare. Proprio Francesco Mezzatesta, con Franca Zanichelli, naturalista e, tra l’altro, ex direttrice del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, firma una guida imperdibile per chi vuole lasciarsi contagiare dalla natura attorno a noi, arricchita dalle ilustrazioni di Lorenzo Dotti. È “Biowatching. Italia, Mediterraneo e tropici. Guida all’osservazione”, Ricca Editore (19,90 €).

Il formato è perfetto, ideale per stare in mano, compatto, facile da portare nello zaino o in qualsiasi borsa, consultabile al bisogno. Non solo quando si va in plein air, tra i diversi paesi del Mediterraneo o lontano, appunto, nei Tropici, ma pure gironzolando in città e nei parchi. Si tratta di un pratico strumento da consultare per riconoscere la meravigliosa biodiversità che ci sta intorno e che va conosciuta per essere trattata meglio. L’osservazione parte dai grandi ambienti per scoprire l’incredibile declinazione di vita dei diversi habitat, per conoscere i relativi abitanti, animali e vegetali.
I testi sono brevi e semplici, i disegni e le tavole chiare, un immediato approccio per dare nome agli altri coinquilini della Terra, animali e vegetali.