Ri-messa a fuoco: la tenuta di Castel Fusano

Castel Fusano: il fuoco e le immagini

 

Castelfusano-ri-Messa-a-fuoco

 “ri-messa a fuoco”: si chiama semplicemente così la mostra fotografica che Pino Rampolla ha dedicato a un fattaccio dei nostri giorni, la cui data di inizio è il 17 luglio.

Stiamo parlando degli incendi della pineta di Castel Fusano, Ostia, ettari e ettari di meraviglia che da allora stanno ancora interessandoo qua e là quell’incredibile patrimonio verde.

Anche su facebook il tam-tam degli ostiani non cessa, tutti pronti a segnalare i focolai appiccati da qualche delinquente, solo alcuni arrestati, purtroppo. Arriverà l’esercito, a breve, a presidiare questo piccolo-grande polmone verde a ridosso del mare.

E il fotografo Pino Rampolla, intanto, ha deciso di mostrare attraverso i suoi scatti lo scempio che si è e si sta consumando, i tronchi centenari infiammati, il sottobosco ridotto a cenere, le carcasse degli animali che non sono riusciti a scappare, le dense nubi che periodicamente oscurano questo cielo d’estate.
Si tratta di 50 immagini a colori e in bianco nero di grande formato. Sono in vendita e il ricavato sarà devoluto a un’associazione di volontariato per la vigilanza e la ricostruzione della pineta. Accanto a queste foto che documentano la triste attualità di Castel Fusano, ci sono pure quelle di un altro terribile incendio, quello del 2000. Sembrava che una tale efferatezza non dovesse più succedere. Invece…
Si possono vedere (e acquistare) le foto presso il Bar Sisto, in piazza Anco Marzio, nel centro di Ostia, vicinissimo al luogo degli incendi
Precedente Leader di sostenibilità: la storia di Chantsalnyam Successivo Stupor mundi: il museo multimediale di Federico II